Vai ai contenuti

DSA Caratteristiche

Difficoltà di Apprendimento

DISLESSIA e DISTURBO di COMPRENSIONE del testo
La
dislessia è un disturbo di decodifica che si presenta con una difficoltà nella trasformazione del codice scritto in codice linguistico.
Interessa la
competenza fonologica che comprende il riconoscimento dei suoni associati alle lettere dell'alfabeto (consapevolezza fonologica), la velocità di articolazione e la memoria fonologica a breve termine.
Si presenta con un
rapporto scorretto grafema/fonema (scambio, omissione, aggiunta, inversioni, grafemi inesatti) e con errori fonetici (omissioni aggiunte, doppie, accenti, …).
Per accertare la presenza di dislessia si valutano la
correttezza e la velocità nella lettura di un testo.
Erroneamente si associa la dislessia al
disturbo di comprensione che invece riguarda le aree morfosintattiche e/o semantico lessicali.
Sebbene i due problemi spesso possono essere compresenti, ormai gli studi recenti permettono la differenziazione di questi due difficoltà.
La comprensione del testo
non è un'abilità unitaria ma coinvolge specifiche abilità mentali riferibili a fattori diversi e indipendenti gli uni dagli altri (Davis,1972) inseriti nelle aree:
- del
contenuto del testo;
- dell'
elaborazione relativa alla struttura sintattica e alle inferenze lessicali e semantiche;
- della
metacognizione che permette di riconoscere le caratteristiche del testo.

DISGRAFIA

La
disgrafia si manifesta con una difficoltà nella componente motoria della scrittura, quindi nei processi di realizzazione grafica di lettere e numeri.
I bambini che presentano questo problema presentano una
scrittura sofferente e faticosa, il tracciato appare incerto, irregolare nella forma e nella dimensione.
La difficoltà riguarda quindi l'aspetto della scrittura piuttosto che le regole ortografiche e sintattiche.
In molti casi i bambini che presentano questo problema evidenziano delle difficoltà non solo nelle abilità grafiche, ma anche nelle attività quotidiane che implicano un
controllo fino-motorio.


DISORTOGRAFIA
La
disortografia, come la disgrafia, è un disturbo dell'espressione scritta.
In questo caso le difficoltà riguardano sia la capacità di trasformare i suoni (fonemi) nelle corrispettive lettere (grafemi) che il
corretto utilizzo di regole ed eccezioni ortografiche.
La disortografia può derivare da una
difficoltà di linguaggio, da scarse capacità di percezione visiva e uditiva, da una carenza nell'organizzazione spazio-temporale, da un processo lento nella simbolizzazione grafica.

DISCALCULIA
Le difficoltà del bambino discalculico si manifestano con errori o lentezza tanto nel calcolo vero e proprio quanto nell'attività cognitiva che richiede operazioni di calcolo … così come nella memorizzazione di dati numerici. (Cornoldi,1999)
Le difficoltà specifiche gravi inerenti al calcolo, le così dette discalculie specifiche, sono scarsamente frequenti mentre i problemi di calcolo, o più in generale i problemi di matematica, compaiono con maggiore frequenza e quindi non sono da classificare nell'ambito della discalculia ma di un più generica difficoltà.


aggiornato il: 04 feb 2015
...
Michele Valente ©

Torna ai contenuti | Torna al menu